Milan News, Notizie AC Milan, Calciomercato Milan, risultati Milan, classifica Serie A Tim

Mister, giocati bene il Jack. Il passato dice Praet, ma la mezzala è già in casa

Krunic arruolato, forse Bennacer. Il pupillo Praet. Il dilemma shakespeariano Veretout o non Veretout. L’ormai ex e infondato tormentone Torreira e il sogno Caballos destinato a rimanere tale. Il mercato si è aperto da poco più di dieci giorni e di nomi a centrocampo se ne sono fatti tanti. Quello di cui i più si sono dimenticati – speriamo non da Marco Giampaolo – è quello di Bonaventura, di cui il Milan ha sentito una mancanza tremenda nella seconda parte della stagione da poco conclusa. Che Jack debba obbligatoriamente finire nella lista dei primi “acquisti” – per così dire – estivi è una legittima conseguenza del sistema di gioco che con ogni probabilità il nuovo mister rossonero adotterà e che finora è stato cavallo di battaglia della sua carriera, un 4-3-1-2 che oltre alla spinta dei terzini prevede un consistente lavoro di inserimento da parte delle mezze ali, che con Gattuso invece si sono viste più sacrificate in fase di copertura. E con tutto il rispetto per Krunic e compagnia cantante, chi meglio di lui: 24 gol e 15 assist in tre stagioni e mezza – di fatto – con la maglia rossonera, se non possono considerarsi numeri da attaccante, poco ci manca. Per questo motivo Veretout e Bannacer, prima ancora di Praet o chi oer lui, devono essere i primi obiettivi della dirigenza milanista: la soluzione alla penuria di idee e di reti si trova già in casa. Ma al di là di quello che può essere l’apporto tecnico, tattico e prolifico del giocatore ex Atalanta, Bonaventura si rivelerebbe – dovesse partire Biglia, con Abate, Zapata e Montolivo salutati una volta per tutte – fonte di esperienza e saggezza indispensabile fuori e dentro il campo. E non solo, anche e soprattutto emblema di un milanismo che – tra “cose formali” e campagne acquisti last minute di leonardiana memoramia – sta andando perdendosi e che si sta cercando di ricostruire solo dietro le scrivanie. Testa e cuore (rossonero), il favoloso mix di Jack. Un Jack che mister Giampaolo deve necessariamente giocarsi, come accanto ad un asso sul tavolo del casinò.
LEGGI LA NOTIZIA COMPLETA SU spazioMilan.it